home page chi siamo Artisti Claudio Casadio

Claudio Casadio

Claudio Casadio si diploma presso l’Accademia Antoniana di Arte Drammatica di Bologna.
Socio fondatore della compagnia Accademia Perduta – Centro di Produzione Teatrale, è autore, interprete e regista. Attore di rilievo internazionale, si è esibito nei più importanti Teatri italiani ed europei ed è stato invitato in prestigiose vetrine quali Festival dei 2Mondi di Spoleto, Ravenna Festival, Giffoni Festival, VolterraTeatro, Theater/Teatro Theaterherbst in Berlin (Germania), Festival Momix di Kingersheim (Francia), Teatralia (Spagna). Con lo spettacolo Pollicino vince in Francia il Festival Momix (2007) ed il Biglietto d’Oro AGIS – ETI. Per la compagnia spagnola Teatro Paraiso di Bilbao dirige gli spettacoli Los musicos de Bremen (2007) e El flautista de Hamelin (2009).

Nel 2009 esordisce in ambito cinematografico con il ruolo di protagonista maschile nel film L’uomo che verrà di Giorgio Diritti, vincitore del Marc’Aurelio d’Oro al Festival Internazionale del Film di Roma e del David di Donatello. La sua esperienza cinematografica prosegue con il film Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana.

Nelle Stagioni Teatrali 2012/13 e 2013/14 è co-protagonista con Giulio Scarpati dello spettacolo Oscura immensità, prodotto da Teatro Stabile del Veneto e Accademia Perduta/Romagna Teatri, scritto da Massimo Carlotto e diretto da Alessandro Gassmann.

Nelle Stagioni Teatrali 2014/15, 2015/16 e 2017/18 è protagonista, insieme a Pamela Villoresi, dello spettacolo Il mondo non mi deve nulla, co-produzione di Accademia Perduta/Romagna Teatri e Teatro e Società, scritto da Massimo Carlotto e diretto da Francesco Zecca.
Nel 2015 partecipa al film Bella e perduta di Pietro Marcello, presentato al Locarno Film Festival.

Nelle Stagioni Teatrali 2015/16, 2016/17 e 2017/2018 è protagonista, insieme a Giovanni Anzaldo e Fabio Bussotti, dello spettacolo Mar del Plata, co-produzione di Accademia Perduta e Società per Attori, scritto da Claudio Fava e diretto da Giuseppe Marini. Lo spettacolo vince il Premio Speciale Persefone "Carmelo Rocca" 2016 come "migliore spettacolo contemporaneo".

Nel 2017 è interprete nel cortometraggio Deux égarés sont morts di Tommaso Usberti, presentato al Festival di Cannes e vincitore del terzo premio della giuria di Cinéfondation.