Accademia Perduta/Romagna Teatri
Sotto la neve
Teatro Goldoni -

di Marcello Chiarenza

con Mariolina Coppola e Maurizio Casali

allestimento scenico  Marcello Chiarenza e Maurizio Casali

musiche originali Carlo Cialdo Capelli

coordinamento Claudio Casadio

La signora Verde è stata in vacanza. Oggi ritorna alla sua piccola casa, con la valigia in mano, e negli occhi ha ancora il sole ed il calore dell’estate: la sua valigia è piena soltanto di foulard e abiti leggeri. Nel salotto di casa, però, una sorpresa spiacevole l’aspetta. L’inverno è già arrivato: è in tremendo anticipo quest’anno e porta con sé il freddo, il gelo, la neve e le giornate grigie. Impersonato dall’eccentrico e simpatico Signor Bianco, l’inverno si è installato proprio nel salotto della signora Verde, dice di essere qui per “fare il suo lavoro” e non ha nessuna intenzione di cedere il passo alle proteste della padrona di casa. Attraverso diversi scontri, bisticci e malintesi, il signor Bianco e la Signora Verde poco a poco iniziano a conoscersi e a simpatizzare. La signora Verde riscopre – ricordando i giorni dell’infanzia – il piacere di decorare l’albero, di costruire un pupazzo con una carota al posto del naso, di fare le battaglie con le palle di neve. La signora Verde si accorge infine che l’inverno non porta solo i disagi del freddo, con le giornate più corte e l’obbligo di mettere da parte gli sgargianti abiti estivi. Il signor Bianco le insegna man mano che l’inverno ha anche i suoi piaceri e i suoi divertimenti, i suoi giochi e porta con sé anche il dolce conforto di indossare un morbido golfino di lana, di restare in casa al calduccio, di dormire saporitamente sotto calde coperte. Il signor Bianco e la signora Verde finiscono allora per affezionarsi uno all’altra. Un bel giorno, però, quel qualcosa di bianco che volteggia nell’aria non sarà più un fiocco di neve ma la delicata farfalla che si posa su di un fiore: inevitabile e rassicurante, la primavera ritornerà con la sua luce e i suoi colori e sarà un peccato, per i due protagonisti, doversi salutare. Ma tutto ritorna e tutto scorre, secondo le regole della natura, e il congedo fra i due non sarà che un lieto arrivederci, fino al prossimo inverno, al prossimo fiocco di neve.

Le tematiche principali: Sotto la Neve, spettacolo dedicato in particolare ai più piccoli, è incentrato su tematiche semplici ma fondamentali quali: la dialettica caldo-freddo-caldo caratterista dell’alternanza delle stagioni/lo scorrere del tempo e la sua percezione/le caratteristiche della stagione calda/le caratteristiche della stagione fredda.

E, per i più grandicelli, anche: come superare con buon umore il disagio che inevitabilmente assale ognuno ad ogni cambio di stagione/come imparare ad apprezzare le situazioni nuove/ricordare che, in ogni caso, e per quanto lungo l’inverno possa essere, prima o dopo la primavera arriva sempre.

Qual è il lavoro del Signor Bianco? Dormire! Ed infatti l’inverno mette a dormire tutte le cose: la natura si riposa, i campi, gli alberi da frutto, anche molti animali vanno in letargo. Ma sotto la neve il semìno del grano sta al caldo per poi germogliare ai primi tepori. Lo spettacolo invita ad una riflessione sui ritmi ed i tempi della natura e suggerisce che tutte le stagioni sono importanti. Magari noi vorremmo che fosse sempre estate perché si va al mare ma la natura ha bisogno di sole per far maturare la frutta, ma anche di acqua per dissetare la terra, di vento che trasporta i semini delle piante e dei fiori, e della neve per il riposo. Fino al risveglio alla prossima primavera. Per i più piccoli è importante prendere consapevolezza dell’alternanza delle stagioni: Sotto la neve affronta questa tematica attraverso il divertimento e la delicatezza, caratteristici della poetica espressiva di Accademia Perduta. Sotto la neve si propone di insegnare ad apprezzare il cambiamento, a valutarne gli aspetti positivi, scoprendo anche le nuove occasioni di gioco che la nuova situazione può offrire, con l’impiego di un po’ di fantasia e di un atteggiamento positivo.

Il coinvolgimento del pubblico in sala: il regista dello spettacolo sceglie spesso di “sfondare la quarta parete”, interpellando e coinvolgendo continuamente il pubblico dei bambini e degli adulti. In vari momenti gli attori scendono fra il pubblico ed invitano le persone del pubblico a diventare parte attiva dell’azione scenica: mamme e maestre diventano servi di scena mentre i bambini sono invitati a collaborare alla realizzazione del pupazzo di neve, a ingaggiare con gli attori una scatenata battaglia a palle di neve…e molto altro ancora. Questa scelta permette allo spettacolo di coinvolgere direttamente e molto fortemente tutto il pubblico dei bambini che, accompagnati in vari momenti di “caos controllato” vivono un’esperienza intensa che lascia la percezione di un teatro autentico, che riguarda da vicino ciascuno di loro.

Proposta di lavoro: lo spettacolo Sotto la neve offre lo spunto per vari approfondimenti didattici ed attività da svolgere in classe sul tema dell’alternanza fra le stagioni. Attraverso il disegno o attività plastiche, si può chiedere ai bambini di illustrare le caratteristiche delle stagioni fredde e calde dell’anno. E’ inoltre possibile proporre ai bambini di riscoprire i giochi tradizionali, tipici dell’estate e dell’inverno, magari attraverso le testimonianze raccolte da genitori e nonni. I vari giochi si possono poi organizzare a scuola, rappresentare o drammatizzare in vario modo.

Fascia d’età: 3 - 8 anni
Durata: 50 minuti
Tecnica utilizzata: teatro d’attore – teatro d’oggetti

Calendario spettacoli

martedì 9 gennaio ore 09:45
mercoledì 10 gennaio ore 09:45

Teatro Goldoni

Piazza della Libertà, 18
48012 Bagnacavallo (RA)
0545.64330
teatrogoldoni@accademiaperduta.it

Prenotazioni telefoniche al numero 0545 64330.

Biglietti: 5 euro.